Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

Scuole di specializzazione


Per informazioni su:

  • immatricolazioni;
  • tasse dei percorsi sospesi;
  • trasferimenti e rinunce agli studi;
  • certificati di iscrizione e di specializzazione;
  • conferma titoli.

Recapito: C.so Massimo d'Azeglio, 60 - 10126 Torino
Telefono: (+39) 0116709900
Fax: (+39) 011 6705680
Email: segrstu.specializzazione@unito.it
Orario:

  • da lunedì a venerdì 9.00 - 11.00;
  • martedì, mercoledì e giovedì 9.00 - 11.00 / 13.30 - 15.00.

Indice


Chirurgia Orale

Direttrice: Prof.ssa Monica PENTENERO
Email: monica.pentenero@unito.it

Referente amministrativo: Gabriella Raschi
Email: specializzandi.medsanluigi@unito.it
Tel.: +39 011 6706180

Torna all’inizio


Chirurgia Toracica

Direttore: Prof. Enrico Ruffini
Email: enrico.ruffini@unito.it

Referente amministrativo: Gabriella Raschi
Email: specializzandi.medsanluigi@unito.it
Tel.: +39 011 6706180

La scuola di specializzazione in Chirurgia Toracica è articolata in cinque anni di corso.

Gli obiettivi formativi della scuola sono:

Obiettivi formativi di base: Lo specializzando deve apprendere conoscenze approfondite di anatomia, fisiopatologia, ed anatomia patologica del torace e degli organi in esso contenuto. Deve apprendere le conoscenze necessarie alla valutazione epidemiologica ed alla sistematizzazione dei dati clinici, anche mediante l’uso sistemi informatici;

Obiettivi formativi propri della tipologia della Scuola: obiettivi formativi della tipologia della Scuola:

  • Apprendimento progressivo dei contenuti dottrinari, scientifici e didattico-formativi della chirurgia toracica, nonché dell’attività assistenziale ad essa congrua nel campo della chirurgia toracica con approccio aperto e mini-invasiva (Toracoscopia Video-Assistita e Chirurgia robotica)
  • Acquisizione delle conoscenze semeiologiche, delle metodologie di laboratorio e strumentali per attuare i procedimenti diagnostici e terapeutici delle malattie di interesse chirurgico del torace e degli organi in esso contenuti
  • Acquisizione della padronanza delle tecniche chirurgiche, comprese quelle relative alla chirurgia toracica oncologica, alla chirurgia toracica d’urgenza e di emergenza e alla chirurgia dei trapianti di polmone, in modo da saper intervenire chirurgicamente sotto il profilo terapeutico in modo integrato con altri settori specialistici chirurgici e con supporti terapeutici medici e radiogeni.

Sono obiettivi affini o integrativi: conoscenze di base ed esperienza necessaria per riconoscere e, per quanto di competenza, trattare le patologie riferibili all’ambito di altre specialità, particolarmente nelle situazioni di indifferibilità del trattamento. Lo specializzando deve raggiungere la capacità di inquadrare in modo complessivo i problemi multispecialistici definendo correttamente le priorità di trattamento in presenza di patologie e lesioni multiple. Deve altresì apprendere gli aspetti medico – legali relativi alla classe specialistica e le leggi e i regolamenti che governano l’assistenza sanitaria

Sono attività professionalizzanti per il raggiungimento delle finalità della tipologia:

  • almeno 100 casi di procedure diagnostiche endoscopiche

Attività Chirurgica generale:

  • partecipazione come primo operatore a 5 casi di alta chirurgia, 25 di media chirurgia e 40 di piccola chirurgia;
  • partecipazione come secondo operatore a 10 casi di alta chirurgia; 50 di media chirurgia e 80 di piccola chirurgia.

Attività Chirurgica toracica:

  • partecipazione come primo operatore a 10 casi di alta chirurgia, 30 di media chirurgia e 60 di piccola chirurgia;
  • partecipazione come secondo operatore a 40 casi di alta chirurgia; 70 di media chirurgia e 50 di piccola chirurgia
  • avere prestato assistenza diretta e responsabile, con relativi atti diagnostici e terapeutici, in un congruo numero di pazienti in elezione, critici, e in urgenza/emergenza;
  • aver prestato assistenza clinica diretta per tre trimestri complessivi in chirurgia generale e/o d’urgenza, in cardiochirurgia ed in chirurgia vascolare.

Potrà concorrere al diploma dopo aver completato l’attività chirurgica. Le attività caratterizzanti elettive a scelta dello studente sono quelle utili all’acquisizione di specifiche conoscenze che, nell’ambito della tipologia di chirurgia toracica, possono essere svolte in: - Chirurgia endoscopica e miniinvasiva - Chirurgia sostitutiva ricostruttiva - Chirurgia oncologica - Chirurgia dei trapianti di polmone. Le attività di tipo professionalizzante devono rappresentare almeno il 70% del totale dei crediti assegnati.

Torna all’inizio


Oncologia Medica

Sede della Scuola: Istituto di Candiolo - IRCCS/Polo Medicina Orbassano Candiolo
Direttore: Prof.ssa Silvia Novello silvia.novello@unito.it
Area Scientifico-Disciplinare: MED/06
Durata: 5 anni
Modalità erogazione della didattica (on-line / frontale): frontale/on-line
Requisiti d'accesso: Laurea in Medicina e Chirurgia
Modalità di accesso: Concorso Nazionale
Lingua: Italiana

Descrizione

Lo Specialista in Oncologia Medica deve aver sviluppato e maturato le conoscenze teoriche, scientifiche e professionali, le competenze specifiche e le abilità necessarie per la diagnosi, il trattamento, il follow-up e l’assistenza globale del paziente neoplastico nelle varie fasi di malattia. Sono specifici ambiti di competenza la metodologia clinica, la terapia farmacologica specifica e di supporto in oncologia, la comunicazione medico/paziente e la medicina palliativa. Lo specialista in Oncologia Medica deve aver inoltre acquisito esperienza diretta nelle metodologie diagnostiche di laboratorio più rilevanti e nella sperimentazione clinica. Deve aver acquisito la conoscenza delle più importanti iniziative di prevenzione primaria e diagnosi precoce; riconoscere e trattare i principali effetti collaterali della terapia antitumorale; conoscere i principi di stadiazione di un tumore e della valutazione della efficacia del trattamento

Didattica

  • Programmi didattici: in questa sezione vengono presentati i programmi didattici relativi ai 5 anni del corso di Specializzazione in Oncologia Medica come sviluppati presso la Scuola di Torino. I programmi sono tratti da quanto previsto dal Decreto Interministeriale n° 68 del 4 febbraio 2015. E’ chiaro che i programmi come presentati sono da intendersi come traccia delle attività didattiche e pratiche che sono sviluppate in dettaglio nell’ambito dei programmi delle lezioni frontali e delle rotazioni presso le strutture assistenziali che fanno parte delle rete formativa

ATTIVITÀ PROFESSIONALIZZANTI OBBLIGATORIE

  • impostazione dell’itinerario diagnostico e stadiativo in almeno 150 pazienti affetti da neoplasia, discutendone con il personale docente le indicazioni e i limiti delle indagini di laboratorio, di diagnostica per immagini, di medicina nucleare, di citologia e istologia nei diversi tumori;
  • la scelta, sotto supervisione, del programma terapeutico in almeno 150 pazienti, discutendone con il personale docente la possibile efficacia, gli effetti collaterali e la fattibilità dello schema proposto in regime di ricovero, di day hospital o ambulatoriale;
  • lo svolgimento di colloqui informativi con i pazienti e/o loro congiunti in almeno 150 casi in varia fase di malattia, discutendone gli aspetti psicologici, etici e medico-legali;
  • la preparazione e somministrazione di trattamenti antiblastici, in collaborazione con altri operatori sanitari, discutendone gli aspetti medico-legali e protezionistici;
  • la scelta del trattamento delle emergenze oncologiche (emorragie, disturbi metabolici, compressioni, ecc.) in almeno 50 pazienti oncologici;
  • la scelta del trattamento palliativo (terapia del dolore ecc.) in almeno 50 pazienti in fase terminale;
  • avere collaborato alla pianificazione del trattamento radiante in almeno 50 pazienti;
  • la guardia divisionale o interdivisionale per almeno 30 turni complessivi, assumendo la responsabilità in prima persona (con possibilità di consultazione del tutore) nei turni degli ultimi due anni.

Lo specializzando deve inoltre:

  • avere eseguito personalmente le seguenti manovre invasive in numero sufficiente: paracentesi, toracentesi, citoaspirati di diversi organi e apparati, mielocentesi e/o biopsie ossee;
  • aver seguito direttamente la conduzione, secondo le norme della buona pratica clinica, di almeno tre sperimentazioni cliniche controllate;
  • aver frequentato le seguenti strutture: reparto di Medicina Interna, per almeno sei mesi; laboratorio di ricerca preclinica, per almeno sei mesi; reparto/servizio di Radioterapia, per almeno due mesi; reparto/day-hospital di Oncologia Medica continuativamente per almeno due anni.
  • conoscere ed essere in grado di applicare alla diagnostica oncologica le più avanzate tecniche della oncologia molecolare.

LE ATTIVITÀ CARATTERIZZANTI ELETTIVE A SCELTA DELLO STUDENTE

Utili all’acquisizione di specifiche ed avanzate conoscenze nell’ambito della tipologia, sono principalmente nei seguenti settori della patologia oncologica:

  • Neoplasie della mammella
  • Neoplasie del tratto gastroenterico
  • Neoplasie del polmone
  • Neoplasie ginecologiche
  • Neoplasie urologiche
  • Neoplasie del SNC
  • Neoplasie della cute e dei tessuti molli
  • Endocrinologia oncologica
  • Onco-geriatria
  • Emato-oncologia

Sono inoltre attività elettive della tipologia l’acquisizione di conoscenze di alta specializzazione nel campo della diagnostica cellulare e molecolare in oncologia e della oncologia sperimentale.

Docenti e tutor

In questa sezione sono riportati gli elenchi dei docenti cui sono assegnati gli insegnamenti per l’aa. 2019/2020 ed, in accordo con quanto definito dal Decreto Legislativo n° 368 del 17 agosto 1999, dei tutor cui sono assegnati, in rapporto di 3:1 gli specializzandi nell’ambito del loro percorso formativo. Da notare che, oltre a tali figure, a cui sono formalmente assegnati i ruoli prescritti, si alternano nell’attività di tutoraggio i dirigenti medici che operano presso le strutture identificate per lo svolgimento dell’attività assistenziale.

Regolamenti

In questa sezione sono presentati i principali regolamenti con riguardano la Scuola di Specializzazione in Oncologia Medica dell’Università di Torino. Nello specifico, sono presenti:

  1. Il Regolamento generale dell’Università di Torino circa le Scuole di Specializzazione
  2. Il Regolamento della Scuola di Specializzazione in Oncologia Medica

Strutture Didattiche

In questa sezione sono presentate le strutture didattiche che sono inserite nella rete formativa della Scuola di Specializzazione in Oncologia Medica dell’Università di Torino.

Referente amministrativo: Elisabetta Madera
Referente per attività didattica e tirocini: Fabiana Fraccaro
Orario segreteria: previo appuntamento telefonico

Torna all’inizio


Radioterapia

Direttore: Prof.ssa Maria Grazia Ruo Redda
Email: mariagrazia.ruoredda@unito.it

Referente amministrativo: Rachele Fiorenza
Email: rachele.fiorenza@unito.it
Tel.: +39 011 6706501

Torna all’inizio


Urologia

AOU San Luigi Gonzaga, Orbassano (Torino)
Dipartimento di Oncologia, Università degli Studi di Torino

Direttore: Prof. Francesco Porpiglia
Email: francesco.porpiglia@unito.it

Area Scientifico-Disciplinare: MED/24
Durata: 5 anni
Modalità erogazione della didattica (on-line / frontale): frontale/on-line
Requisiti d'accesso: Laurea in Medicina e Chirurgia
Modalità di accesso: concorso Nazionale
Lingua: Italiano

Descrizione

Lo specialista in formazione in Urologia dovrà progressivamente maturare conoscenze teoriche e pratiche nel campo dell’anatomia, della fisiopatologia, della semeiotica funzionale e strumentale; della clinica e della chirurgia dell’apparato urinario, genitale maschile e del surrene.

Specifici ambiti di competenza sono la terapia medica e chirurgica delle patologie delle alte e basse vie urinarie, la chirurgia oncologica, la chirurgia sostitutiva e ricostruttiva, l’andrologia, l’urologia femminile, i trapianti, l’endoscopia urologica e la chirurgia percutanea, la radiologia interventistica, la chirurgia mini invasiva (laparoscopia-robotica), la gestione clinica multidisciplinare delle patologie oncologiche di interesse urologico, l’urologia funzionale.

Lo specialista in formazione dovrà inoltre acquisire la conoscenza degli aspetti medico-legali relativi alla propria professione e delle leggi e dei regolamenti che governano l’attività clinica; degli aspetti relativi alla comunicazione medico-paziente e delle corrette modalità di relazione con il paziente.

Infine specializzando dovrà progressivamente maturare la conoscenza dei principali aspetti della ricerca scientifica, intesa come sia come fruizione sia come produzione.

Didattica

Insegnamenti e Programmi didattici

In questa sezione vengono presentati gli insegnamenti e i programmi didattici dei principali corsi relativi ai 5 anni del corso di Specializzazione in Urologia alla luce del Decreto Interministeriale n° 68 del 4 febbraio 2015.

Questi programmi sono da intendersi come traccia delle attività didattiche e pratiche che sono sviluppate in dettaglio nell’ambito dei programmi delle lezioni frontali e delle rotazioni presso le strutture assistenziali che fanno parte delle rete formativa.

Insegnamenti
Programma didattico 2019-2020

Calendario didattico

Il calendario didattico viene concordato con i docenti di ciascun anno, alla luce delle esigenze didattiche e delle esigenze degli specialisti in formazione.

Seminari

Sono previsti inoltre seminari tenuti da docenti del Corso e/o da riconosciuti esperti in settori settori dell’Urologia o di altri SSD (Chirurgia Generale, Nefrologia, Ginecologia) di interesse. I seminari sono erogati in presenza o on-line.

Inoltre la Scuola di Torino partecipa alla rete delle Scuole di Specializzazione di Urologia Italiane con cui condivide un’intensa attività seminariale on line.

Valutazione attività

A partire dall’anno accademico 2019-2020, saranno introdotti questionari di valutazione circa le attività teorico-pratiche che vengono svolte nell’ambito della Scuola.

Sono presenti quattro schede di valutazione:

  • Questionario fine rotazione specializzando: viene compilato dal singolo specializzando al termine di ogni periodo di frequenza presso una struttura assistenziale che è parte delle rete formativa. Raccoglie informazioni sull’organizzazione del lavoro, sulla caratteristiche delle informazioni didattiche teoriche e pratiche offerta dalla struttura, sulla responsabilità assegnate, sulle attività di ricerca svolte e un giudizio circa l’utilità della frequenza nell’ambito della struttura.
  • Questionario fine rotazione strutturato: viene compilato a cura del personale strutturato che svolge l’attività di tutoraggio presso quella sede per ogni singolo specializzando che ha frequentato una struttura assistenziale che è parte delle rete formativa. Raccoglie informazioni sul livello di preparazione teorico-pratica mostrata dallo specializzando, sul suo grado di interesse e partecipazione alle attività svolte e proposte, sulla sua correttezza nel rispetto degli orario e dei compiti assegnati
  • Questionario di fine anno: viene compilato dal singolo specializzando al termine di ogni anno di frequenza e prima di sostenere l’esame di profitto. Raccoglie informazione circa la coerenza tra le attività svolte e quelle previste dal piano didattico ed un giudizio circa l’efficacia dei piano formativo seguito rispetto agli obiettivi attesi
  • Questionario fine specializzazione: viene compilato dal singolo specializzando al termine del percorso formativo di cinque anni e prima di discutere la testi. Raccoglie informazioni generali sull’organizzazione della scuola, la qualità dell’offerta teorico-pratica, le modalità di articolazione di tale offerta e più in generale un commento finalizzato a fornire un feed-back su cosa funziona e cosa c’è da migliorare.

Docenti e tutor

In questa sezione sono riportati gli elenchi dei docenti cui sono assegnati gli insegnamenti per l’aa. 2019/2020.
Sono inoltre riportati gli elenchi dei tutor delle SCDU Urologia delle AOU San Luigi Gonzaga (sede della Scuola, Orbassano), Ospedale Maggiore della Carità (Novara) e, Citta della Salute e della Scienza (Torino).

Oltre a tali figure, a cui sono formalmente assegnati i ruoli prescritti, si alternano nell’attività di tutoraggio i dirigenti medici che operano presso le strutture della rete formativa.

Regolamenti

In questa sezione sono presentati i principali regolamenti dell’ateneo Torinese. Nello specifico, sono presenti:

  1. Il contratto di assicurazione
  2. Il Regolamento generale dell’Università di Torino circa le Scuole di Specializzazione

Strutture Didattiche

In questa sezione sono presentate le strutture didattiche che sono inserite nella rete formativa della Scuola di Specializzazione in Urologia dell’Università di Torino.

Referente Amministrativo: Paola Cheirasco
Orario segreteria: 8.00 - 15.00

Torna all’inizio

Ultimo aggiornamento: 26/11/2021 10:54